_ LOCANDINA INVENZIONE aprile-2022

L’INVENZIONE DI MILANO

 a cura di Michela Blasi e Andrea Facciocchi

con   Graziano Camanzi   Francesca Castelli  Fabio Carosi   Michela Darsena   Piera Durante  Anna Garau   Gabriella Giambertone   Catia Gusmini   Gaja Ikeagwuana   Alessandra Licheri    Carmine Marzocchi   Antonio Masserini   Milena Mottalini  Cesarina Nalin   Gianna Pedenovi   Franco Salsa   – Luci e fonica Beppe Sordi  –  Accoglienza pubblico Daniela Ferrante

Extramondo in collaborazione con Comune di Milano – Municipio 3

 MERCOLEDI’ 13 APRILE ore 19.00

Auditorium Stefano Cerri, Via Valvassori Peroni 56, Milano

 Ingresso libero con Super GreenPass, prenotazione obbligatoria a extramondo@yahoo.it   Posti limitati

 Questo progetto è frutto della collaborazione tra Extramondo e Municipio 3 e ha dato la possibilità a diciotto persone di partecipare a un Laboratorio Teatrale con lo scopo di indagare sul rapporto di ciascuno di noi con la nostra città, Milano, attraverso ricordi, immagini, musica, parole, azioni.

Un Laboratorio aperto a tutti, senza la necessità di esperienze pregresse: l’impavido gruppo infatti, composto da persone dai 20 ai 75 anni, è eterogeneo non solo per età, ma anche per esperienze teatrali.

L’avventura del Laboratorio si è svolta da ottobre a dicembre, per 12 incontri pieni di entusiasmo. Grazie alla creatività e all’energia del gruppo lo scorso 20 dicembre abbiamo presentato l’esito del nostro lavoro in forma di work in progress. La performance è piaciuta e ora abbiamo l’occasione di riproporla.

Il percorso drammaturgico è iniziato con una immersione nella Milano di oggi, nei suoi pregi e difetti, auspicando mirabolanti trasformazioni future per la città dei nostri desideri.

I ricordi personali di ciascun partecipante si sono mischiati alle parole dei poeti milanesi Franco Loi, Alda Merini, Vincenzo Consolo, Paola Capriolo, Tiziano Rossi, Luciano Erba, Giovanni Raboni. Hanno trovato spazio  anche alcuni versi di Umberto Saba e Wisława Szymborska.

Abbiamo attraversato la storia della nostra città e delle sue trasformazioni a ritroso, decennio per decennio, fino ad arrivare al dopoguerra, quando la Milano bombardata e distrutta, dopo anni di sacrifici e reduce da una guerra civile, si è rimboccata la maniche ed è ripartita. Un’ispirazione e un insegnamento.

 

In questo viaggio al contrario nel tempo compaiono anche alcune brevi scene ispirate ai film Il sorpasso, Miracolo a Milano, La cambiale e Totò, Peppino e la malafemmina.

La musica, complice alla creazione delle atmosfere, spazia da Margherita Pirri ad Alex Britti, da Alberto Fortis a Enzo Jannacci, da Giuseppe Verdi ai Nomadi alla PFM ai celebri motivetti del tempo che fu.

Ebbene sì, non ci siamo fatti mancare niente e il risultato è un vortice di immagini e sentimenti che fanno amare i nostri luoghi e riflettere sulle nostra vite.

Mentre questo gruppo teatrale, ampliato e rinnovato, da gennaio sta già lavorando su un altro progetto per un nuovo spettacolo che potrete vedere qui il 27 maggio; mentre il mondo intorno a noi sembra essere completamente impazzito;  noi troviamo senso e conforto nel nostro fare insieme e nel condividere con voi questa esperienza che mette al suo centro la preziosità dei sentimenti, delle relazioni, del respiro. Il teatro, l’arte, la poesia possono essere una risposta?